Giovedì, 06 Luglio 2006 15:23

UCINA denuncia l'illegittimità della tassa regionale sarda su aeromobili e unità da diporto

Con legge della Regione Sardegna 4 Maggio 2006, n. 4 e' stata introdotta una nuova imposta sulle unita' da diporto dei soggetti non residenti che fanno scalo nei porti della Sardegna, durante l'alta stagione nautica.

UCINA

- L'Associazione che rappresenta l'Industria Nautica Italiana aderente a Confindustria -

al fine di tutelare la nautica italiana e in particolare gli operatori nautici e del turismo nautico che operano in Sardegna, si e' attivata per contrastare l'applicazione di tale imposta, affidando ad un approfondito e ponderato parere legale l'individuazione di principi di illegittimita' della legge istitutiva del tributo.

UCINA DENUNCIA

sulla base di tale parere l'illegittimita' dell'Imposta regionale sarda sulle unita' da diporto per le seguenti motivazioni:

1 - Incostituzionalita' dell'imposta per eccesso di potere impositivo della regione Sardegna e per mancato coordinamento con il sistema fiscale statale (art. 119 della Costituzione Italiana);
2 - Incostituzionalita' dell'imposta in quanto ostativa della libera circolazione delle persone e delle merci tra le regioni italiane (art.120 della Costituzione)
3 - Incostituzionalita' dell'imposta in quanto imposta discriminante tra cittadini e non osservante della capacita' contributiva degli stessi (art 3 e 53 della Costituzione)
4 - Violazione della normativa europea in quanto imposta ostativa della libera circolazione delle persone e delle merci tra gli stati membri (art. 14 del Trattato Istitutivo)
5 - Violazione della normativa europea in quanto imposta contraria al divieto di discriminazione tra residenti e non residenti (art. 12 del Trattato Istitutivo)

chi ha pagato l'imposta sulle unita' da diporto puo' chiederne il rimborso

UCINA METTE A DISPOSIZIONE

sul proprio sito (www.ucina.net) i seguenti documenti: un parere sulla illegittimita' dell'imposta in questione, un fac simile dell'istanza di restituzione dell'imposta, e una bozza del ricorso che il singolo diportista potrà avanzare qualora, trascorsi i 90 giorni dalla presentazione dell'istanza di rimborso, la regione non abbia risposto, determinando il così detto silenzio/rifiuto.

UCINA CHIEDE

con forza l'abolizione dell'imposta introdotta dalla regione Sardegna e sollecita l'attenzione e l'intervento del Governo ai sensi dell'art. 127 della Costituzione anche a seguito delle interrogazioni parlamentari presentate al Presidente del Consiglio e ai Ministri dell'Economia e Finanze, delle Attività Produttive e dei Trasporti.

LUGLIO 2016

Files:
Fac simile dell'istanza di restituzione dell'imposta
Parere sulla illegittimita' dell'imposta in questione
Bozza Ricorso avverso rifiuto Regione Sardegna

Bozza ricorso avverso il silenzio rifiuto della Regione Sardegna alla restituzione dell’imposta sulle unità da diporto

Comunicato Stampa Tassa Sarda

UCINA denuncia l'illegittimità della tassa regionale sarda